Il vigneto.

I vigneti di Tenuta Villa Bellini si estendono su quattro ettari di terreno completamente cinto da mura: un piccolo scrigno, straordinario intreccio di suoli e forme di allevamento diverse. Coltiviamo la vite secondo i principi di una viticoltura sostenibile e vinifichiamo esclusivamente le nostre uve, per un vino di assoluta tipicità e personalità.

L’APPROCCIO AGRONOMICO

Pratichiamo da sempre una viticoltura biologica di precisione, tenendo conto delle necessità di ogni singolo appezzamento. Ci impegniamo, giorno dopo giorno, a preservare la biodiversità, la flora e la fauna naturalmente presenti nel nostro “brolo” e dedichiamo particolari cure alle nostre viti monumentali.
Scopri di più
Gli appezzamenti si trovano a circa 150 metri s.l.m., godono di un’esposizione est, sud-est e si sviluppano sulle naturali pendenze della località di Castelrotto. Nella proprietà si intrecciano suoli di diversa origine e composizione; il calcare e la presenza di fonti di acqua profonde incidono marcatamente sulla struttura ed il profilo aromatico dei nostri vini.

La forma di allevamento della vite è mista: pergola trentina, con un sesto d’impianto di 3300 piante/ha, e spalliera verticale, a 10.000 ceppi/ettaro. L’età delle viti, infine, varia dai 20 a oltre 100 anni.

Le varietà che coltiviamo sono principalmente autoctone della Valpolicella, Corvina, Corvinone, Rondinella, Molinara, e custodiamo alcune vigne di vecchie varietà veronesi che contribuiscono a creare quella preziosa e ricca complessità che caratterizza i nostri vini e lo stile elegantemente identitario di Villa Bellini.